La mia vita è cambiata da quando sono diventata mamma... Allora mi sono detta: "deve cambiare anche il mio blog!". E questo è quello che ne è saltato fuori!

mercoledì 27 febbraio 2008

TUTTO PROCEDE BENE!

Era questa la notizia che aspettavo con ansia prima di tornare a scrivere qualcosa... Non so, mi è preso uno strano spirito di scaramanzia, da quando ho fatto il prelievo per il tritest.
Quando poi ho aperto la busta e ho visto che tutti i valori erano nella norma e l'indice di rischio molto basso rientrava negli standard, mi sono talmente rilassata che sono scoppiata a piangere nel parcheggio dell'ospedale.
Ora, io l'ho vissuto con una tale ansia che non so se ripeterei un tale esame. Dico questo anche perché io data la mia età, non rientro nella categoria di donne a rischio per eventuali gravidanze che presentino anomalie. Infatti non ho fatto nessun esame diagnostico (amniocentesi e villocentesi), anche perché ero spaventata dall'indice di rischio (seppure bassissimo) di perdere il bambino in seguito ad un esame invasivo.
Su consiglio del mio medico ho però fatto questo banalissimo prelievo del sangue, che però è molto importante perché permette di dosare gli ormoni che il bambino rilascia nell'organismo della mamma e quindi di calcolare l'indice di probabilità di difetti cromosomici. Ci tengo a precisare che non si tratta di un esame diagnostico, ma, per quanto accurato, di un calcolo di rischio su base statistica.
Nella settimana in cui ho atteso il risultato, ero così nervosa che la mia mamma è venuta qualche giorno da me a farmi compagnia. Mi sono sentita coccolata e ho messo un po' da parte i pensieri angosciosi. Abbiamo fatto un po' di shopping per il bebè (poche cose, ma carinissime, tutte di colore neutro perché non sappiamo ancora che cos'è!) e per me, visto che stavano saltando le cuciture di quasi tutti i miei indumenti, soprattutto quelli intimi. Siamo anche andate a vedere una bella mostra sulla quale scriverò senza dubbio una recensione.
Ma intanto, la sera, mi trovavo a fare i conti con le mie paure e per la prima volta argomenti fino ad ora letti solo sui giornali o sentiti nei dibattiti in tv, mi hanno vista coinvolta in prima persona. Parlare di diritto alla vita, di interruzione di gravidanza, quando un bambino ce l'hai nella pancia è tutta un'altra cosa. Ti senti talmente coinvolta che persino i tuoi pensieri ti fanno male, anche se non li esprimi ad alta voce.
Premetto che le poche cose che sto per dire son il mio personalissimo punto di vista. Io sono cattolica, non una buona praticante, ma fermamente credente. In questo periodo più che mai, mi affido alla preghiera per trovare tranquillità e sicurezza, per me e per il mio bambino.
Però credo che ogni donna abbia il diritto di scelta. Non posso io, cattolica, con un'idea dettata dalla fede, decidere del futuro di altre vite, che magari non condividono neppure il mio Credo. Io voglio essere rispettata per i miei valori e le mie scelte, ma sono pronta a difendere anche i valori e i diritti degli altri.
Non sono in assoluto contro la legge sull'aborto. Lo sono, in parte, da un punto di vista personale, nel senso che io lo farei solo nel caso in cui anche la mia vita fosse in pericolo o il bambino fosse frutto della violenza anziché dell'amore. Lo posso dire, credetemi, perché mentre aspettavo il risultato del tritest sono stata presa da ogni sorta di dubbio e alla fine, con Giorgio, abbiamo deciso che comunque una nuova vita merita una possibilità, seppure breve.
Non so se sono io che ci presto più attenzione, o se effettivamente questi siano argomenti che stanno dominando tra i titoli dei telegiornali di queste sere. Sta di fatto che secondo me una legge che regolamenti certi aspetti, delicatissimi, della vita, ci vuole. e quella che abbiamo mi sembra abbastanza buona. Quindi mi piacerebbe non sentire più parlare di "attacco alla 194", ma piuttosto che fosse dedicata maggiore attenzione ai risvolti psicologici che determinate scelte lasciano dietro di sé. Molte donne andrebbero consigliate, confortate e non lasciate sole di fronte ad una maternità difficile. Molte associazioni a difesa della vita già fanno molto, ma se fossero più supportate sono sicura che nascerebbero più bambini e che molte tragedie si potrebbero evitare.
Ecco, scusate lo sfogo, ma aver messo queste cose nero su bianco mi ha definitivamente tolto un peso dallo stomaco. Scusate la pesantezza dell'argomento, ma se vorrete intervenire o proporre il vostro punto di vista, ne sarò ben felice. Credo che tutti possiamo dare il nostro contributo, senza pregiudizi, ma solo con il desiderio di creare un proficuo scambio di opinioni (e questa sarebbe una bella lezione anche per la classe politica!).

22 commenti:

AndreA ha detto...

Sono davvero felice che le cose stiano andando per il verso giusto!
Mi fa piacere leggerti serena...

Condivido in pieno il Tuo pensiero circa l'importante argomento.

Un abbraccio, a presto! :-)

raphaela ha detto...

Non sai quanto ti capisco Maricri, visto i miei 35 anni compiuti devo fare l'amniocentesi (mi sono rifiutata di sottopormi al prelievo del villo coriale perchè il rischio di aborto è doppio rispetto all'amnio), farò il prelievo il giorno di San Giuseppe...per il resto sono serena ma non del tutto tranquilla...ed ho tanta paura che qualcosa possa andare storto.
per quanto riguarda il discorso aborto, credo che una donna debba avere il diritto di scegliere, solo questo, non tutte hanno la fortuna come me e come te di avere un compagno, una vita serena e così via.....poi, ci sono tante problematiche in giro e sparare a zero come fanno anche i politici sull'argomento non mi sembra corretto...Buona serata Maricri, ed un bacetto al piccolo/a

fabio r. ha detto...

Felicissimo ritorno mamma!!
Non si possono che condividere le tue parole: ora che ci sei dentro la tua sensibilità è sicuramente diversa, ed è giuto che sia così..
In Italia purtroppo tendiamo al manichesimo sia che si parli di calcio che per problemi etici molto più delicati... buttiamo di solito tutto in caciara. Ed allora i Guelfi e i Ghibellini si risvegliano dall'oltretomba, e si mettono a scazzotarsi allegramente alla facia della tranquilla dialettica politica e/o ideologica..
Si spera sempre che le persone sensate prendano decisioni sensate in un campo così importante della nostra vita, ma ho il vago sospetto che questa speranza resterà una mera utopia... Sigh!
Bacioni al pupo/alla pupa ed un abbraccio alla mamma!!

Scorpio79 ha detto...

Mi fa piacere sapere che sta andando tutto bene... Ciao Scorpio79

60gandalf ha detto...

ciao maricri!!! e così siamo passati alle vesti ampie e alle tutone!!!!
goditi in serenità questi mesi, ascoltando musica (guarga che la sente anche il bimbo!!) e leggendo libri; poi non ne avrai + tempo ahahahha

condivido il tuo pensiero sull'aborto, da permettere in casi di violenza, di malformazioni gravi, di pericoli per la madre...

ciao e b/notte

Laura ha detto...

Ciao, è tanto che manco dalla rete e leggo con piacere che tutto procede per il meglio !
Mi trovi d'accordo su quanto hai detto a proposito dell'aborto: credo fermamente che prende quella decisione lo faccia in maniera molto sofferta, e penso abbia diritto all'assistenza di medici, perchè si tratta di un trauma fisico e psicologico devastante.
Almeno dal mio punto di vista, e pur senza aver ancora goduto delle gioie della maternità ;-)
Ciao, ti abbraccio !

Irene ha detto...

Ciao Maricri, sono in pausa con il mio blog, ma non posso non trovare il tempo per rispondere al tuo post. Intanto credimi che sono felicissima di sentire che tutto va bene. Visto il silenzio immaginavo che tu avessi bisogno di stare con te stessa e la tua famiglia. Da quanto leggo è vero che si diventa mamma da subito con le ansie e le preoccupazioni. Vai mammina!
Per il resto è un argomento delicatissimo! La legge andrebbe rivista. Sarebbe da chiedersi come mai tanti aborti, come mai appena c'è un minimo dubbio sulla salute del feto si preferisce "chiudere", come mai ancora c'è chi abbandona i bambini dentro un cassonetto, c'è da chiedersi come mai una mamma può uccidere il bambino di pochi mesi perchè nessuno si è accorto di quanto depressa fosse, e avanti...!!! Vedo in tutto questo tanta solitudine, tanta disperazione, scarsa, anzi quasi nulla l'informazione e l'accompagnamento psicologico. Ecco perchè è un argomento delicatissimo e non me la sento di liquidare tutto con: la decisione spetta alla donna! La decisione spetta ad una società, noi, nell'impegno di non lasciare sola la donna, di aiutarla in una scelta, di non puntarle addosso il dito, di accompagnarla, di avere supporti psicologici e anche istituti a disposizione per accoglierla o accogliere il bambino... Prima di tutto la prevenzione e l'educazione, non sessuale, educazione all'amore e quindi alla vita!

Un abbraccione! ciao

Massimo ha detto...

Ciao carissima! Mi stavo proprio chiedendo in questi giorni il perchè di questo silenzio. Sono contento che vada tutto bene!
Concordo con te sull'argomento aborto.
Mi permetto solo di aggiungere/sottolineare due punti. Il primo riguarda i risvolti psicologici: non si racconta mai dell'enorme sofferenza psichica di chi sceglie di abortire. Del dolore che la donna si porterà dentro, spesso inconsapevolmente, ma che la segnerà nel futuro.
Il secondo è la totale mancanza di un'educazione sessuale nella scuola italiana. Le poche esperienze, il più delle volte si limitano alla geografia dell'apparato riproduttivo. Questa non si può chiamare educazione sessuale!
Un abbraccio! Massimo

GlitterVictim ha detto...

Dai son contenta che vada tutto bene e soprattutto che ti sei tranquillizzata, non ti fa bene agitarti.

E pensare che io ho appena scritto un post perchè sono terrorizzata dal fatto che la metà delle mie ex compagne di liceo hanno partorito o stanno per farlo. Io per il momento non ho neanche mai pensato al fatto che l'orologio biologico sta ticchettando inesorabilmente in avanti.

By the way preferisco pensare a te ed al tuo piccino che cresce pian piano, un abbraccio affettuoso.
GV

MariCri ha detto...

Andrea, grazie della solidarietà! un abbraccio a te! :)

Raphaela, un dolce abbraccio a te e l'augurio più sincero che tutto vada per il meglio, sono sicura che sarete una bellissima famiglia!

Fabio, già, questo è un aspeto degli italiani che proprio non mi piace, questo tendere all'esagerazione e allenfasi eccessiva, su tutto. e poi credo che essendo passati secoli, potremmo anche riporre lo scudo da crociati e le bolle di scomunica per chi la pensa diversamente. Ma forse il Medioevo non è poi così lontano...

Scorpio, grazie! ora spero di avere più tempo per tornare a leggervi tutti!

Gandalf, ma guarda che ora esistono dei bellissimi vestitini stile impero...ah, voi maschi! ;) per quanto rigurda la musica, io credo cheil pupo o amerà alla follia la lirica (Verdi e Puccini ormai li conosce a memoria!) o mi diventerà per ribellione un metal-punk!

Laura, si, è orribile constatare che c'è ancora chi non è al corrente deipropri diritti, tra cui l'assistenza medica, anche nel caso in cui si decida di far nascere e poi non riconoscere il bambino...

Irene, io sono daccordo con te, questa educazione andrebbe già fatta nelle scuole, ma dovrebbe, ancor prima, partire dalle famiglie. io cercherò di farlo con il mio bambino, di educarlo al rispetto perla vita, in qualunque forma essa si preesenti. grazie per essere passata, ho letto che sei in pausa e sono passata anch'io a salutarti!

Massimo, c' è ancora troppa superficialità nell'affrontare certi argomenti, o una sorta di pudore che prorpio non capisco, quindi siamo tutti un po' responsabili, a livello di società, di quanto purtroppo, ancora accade, nnonstante ci siano i mezzi per evitare ceti traumi.

Glitter, infatti da quando sono piùtranquilla, ho ripreso a dormire come un ghiro! non ti preoccupare, io sono sicura che certe cose accadono al momento giusto, forse tu devi soo aspettare ancora un po' e poi sarai pronta per una scelta che comunque ti cambia davveo la vita! un abbraccio. :)

Baol ha detto...

Io credo che in realtà non ci sia nemmeno lontanamente il minimo interesse nei riguardi della donna in coloro che si stanno ergendo contro la legge 194, stanno solo cavalcando la nuova onda medioevale che si sta espandendo in Italia.

Detto questo, sono ultrafelice delle notizie che ci dai, davvero! :)

silvio ha detto...

Ciao!
Condivido il tuo pensiero sul
tema triste dell'aborto. Scritto che da te in questo momento si riveste di maggior profondità. Ho scritto anch'io un post sul'argomento, ma me ne sono pentito. Ci si sente male solo a pensare che esistono certe situazioni.

Invece siamo tutti contenti che la tua gravidanza procede bene.
Un abbraccio!

Mat ha detto...

felice che tutto sia andato per il meglio cara mari!
che bello!

HOLDEN ha detto...

ma ciao Maricri! un abbraccio a te e al "pancione" :-) non aggiungo altro sull'argomento del tuo post, hanno già detto meglio di me gli amici che mi hanno preceduto, rischierei di dire solo banalità, concordo pienamente sul fatto che l'aborto dovrebbe essere preso in considerazione solo ed esclusivamente in casi estremi (violenza, salute del bimbo e della madre)ma l'argomento è talmente delicato che preferisco non aggiungere altro.
un bacione!

Simona ha detto...

Le donne devono avere il diritto di scegliere. E' giusto che abbiano un maggiore supporto psicologico perché non sono mai decisioni prese alla leggera, ne sono sicura. ma la scelta finale spetta alla donna. La Chiesa non dovrebbe imporre il suo pensiero, né viceversa. E' un fatto di coscienza personale. fortunatamente non ho mai dovuto prendere certe decisioni. dico fortunatamente perché se mai avessi pensato di abortire sarei stata malissimo. nessuna donna fa certe cose con leggerezza e nessuna va demonizzata per le sue dolorose scelte.
cara Maricri, sono molto felice per te, che hai un grembo un bimbo molto desiderato e che sarà molto amato! un abbraccio alla futura mamma.

MyP ha detto...

E' incredibile come, mentre sei incinta o persone vicine lo sono, sei bombardata quotidianamente da qualsiasi cosa inerente all'argomento. Vedi persone incinte ovunque, in edicola guarda caso ci sono solo riviste sulla gravidanza, in tele vedi pubblicità con bimbi o notizie su di loro. Insomma ... è tutto un concentrato di cose, seppure banale, cmq per una donna incinta può portare ad un insieme di forti emozioni difficili da gestire. Sette mesi fa mia sorella ha partorito la mia prima nipotina e l'emozione è stata grande e commovente. E pensa che sono solo la zia. Per mia sorella è stata un'emozione ancora più forte che io non credo avrò la fortuna di provar mai.E' stato tenero leggere le tue emozioni perchè mi ha fatto ricordare le mie e quelle di mia sorella in quest'ultimo anno di pre e post-gravidanza!!!
Un saluto
MyP

giulia ha detto...

I vestitini stile impero, che meraviglia! :D
No, seriamente, sono davvero felice di saperti tranquilla. Ovviamente condivido le tue idee sull'aborto, la mia modesta opinione è che se ne è riparlato solo per distogliere l'attenzione del paese dai veri problemi.
Un bacio e tanti auguri!

ps
http://www.youtube.com/watch?v=3O5Dp87LnAU

E' carino!

MariCri ha detto...

Baol, o forse questo "ritorno al medioevo" è solo un'illusione per non farci pensare ai reali problemi che il paese sta attraversando?...

Silvio, si, si sta male. e io in maniera un po' egoistica ho deciso che per adesso non voglio più vedere/sentire/leggere nulla in proposito...mi sento come schiacciata da argomenti troppo dolorosi.

Mat, grazie!! un abbraccio! :)

Holden, io la penso come te, ma sostengo che ogmi essere umano deve essere libero di poter scegliere. un abbraccio

Simona, io però credo che la Chiesa non imponga, ma manifesta il suo punto di vista. poi, se non lo si condivide, io sono per la libera scelta. E penso anche che spesso una scelta così difficile non riguarda solo la donna, ma nel caso ci sia un compagno presente, sia una scelta che coinvolge entrambi. Però mi trovi daccordo sul sostenere che nessuno va demonizzato per le proprie scelte, soprattutto se sono sofferte e attuate nei limiti previsti dalla legge, che c'è e deve essere salvaguardata.

Giulia, si, mi sento un po' Paolina Bonaparte, mi mancano solo i nastri nei capelli, ma io adoro questo stile un po' retrò!
Per il resto la penso come te, anche perchè la storia non va mai indietro. un bacio

MariCri ha detto...

Myp, intanto benvenuta! :)
è proprio vero quello che scrivi, io in giro vedo solo pance e carrozzine, i negozi per bambini mi sembrano spuntati come funghi... ho visto il tuo blog, la nipotina è uno spettacolo, sono sicura che sei una zia stupenda! un abbraccio e un sorriso a tutte e due.

Virgilio Rospigliosi ha detto...

Sono contento che tutto proceda per il meglio e che tu sia serena in questo momento.

Per quanto riguarda i discorsi sull'aborto condivido pienamente le tue affermazioni. Mi sembra che ultimamente si sta parlando un pò troppo a vanvera di un argomento molto delicato.
Un caro saluto

GlitterVictim ha detto...

Concordo! Quando sarà il momento accoglierò a braccia aperte, ora meglio approfittare della situazione per fare tutte quelle cose che un domani non si avrà più tempo o possibilità di fare.

zefirina ha detto...

ho avuto tre gravidanze in tre momenti diversi d'età: quando aspettavo Valentina l'ecografia te la facevno giusto l'ultimo mese per vedere se il bambino era in posizione, fino a che non è nata non ho saputo nemmeno di che sesso fosse, di Alessandro ho fatto svariate ecografie, di Andrea vista l'età ho fatto l'amniocentesi, con un po' di paura ma mi fidavo del ginecologo e ho seguito i suoi consigli e così ho scoperto una particolaritò che sicuramente han no tutti i maschi della famiglia del padre dei ragazzi... niente di che ma non è male saperlo. Non so che avrei fatto in caso di anomalie gravi... la 194 va solo applicata ..bene... ma nonguasterebbe nemmeno una sana prevenzione ma soprattutto una informazione capillare per previnire gravidanze non desiderate