La mia vita è cambiata da quando sono diventata mamma... Allora mi sono detta: "deve cambiare anche il mio blog!". E questo è quello che ne è saltato fuori!

martedì 13 novembre 2007

COSA RESTERA' DI QUEGLI ANNI '80...

Ho notato che molti blogger sono dei veri fanatici degli anni '80. A voi tutti, e soprattutto a me stessa, che quando stiro canto a squarciagola: "Alla Bastiglia la gran folla si scaglia/è la vigilia di una nuova battaglia...", col rischio che qualche vicino prima o poi chiami un neuro psichiatra, dedico questo nostalgico revival!

La colonna sonora era d'obbligo... Ma soprattutto speriamo che funzioni!!!






SEI FIGLIO DEGLI ANNI '80 SE...
  1. Almeno una volta nella vita ti sei chiesto cosa fosse di preciso un "razzomissile" e come funzionassero i "circuiti di mille valvole". (Io preferivo Capitan Harloock, era più affascinante!).
  2. Almeno per una volta ti sei chiesto per quale misteriosa legge fisica, Mimì riuscisse a far scomparire il pallone e a farlo riapparire a cazzo sul campo di pallavolo...e sempre rigorosamente dentro la linea. (Per imitare Mimì, quanti lampadari sono andati in frantumi?).
  3. Ti sei chiesto almeno una volta quanto fosse alta la rete del suddetto campo.
  4. Ti sei chiesto quanto fosse lungo il campo di Holly & Benji dal momento che si vedeva la linea dell'orizzonte. (E soprattutto, perché non gli veniva mai un enfisema con tutto quel che correvano?).
  5. Ti ricordi di Licia Colò che, al posto di parlar con gli orsi bianchi, parlava coi cani rosa.
  6. Ti ricordi di quando Gerry Scotti era ancora un dj. (Su radio DJ con Jovanotti che faceva il Mario...).
  7. Hai ballato almeno una volta Reality (del tempo delle mele) a distanza di sicurezza e sotto la sorveglianza di insegnante o genitore che sia. Magari con una scopa in mano. (Qui ero ancora troppo piccola; piuttosto mi vien da citare: "Tapparella giù e bottiglia/ti ricordi che meraviglia/la festa delle medie..."!).
  8. Ti sei incazzato almeno una volta perché tua madre non ti ha comprato l'Allegro Chirurgo. (Io obbligavo mia sorella a fare da paziente, ricordo quando volevo operarla di tonsille con un cucchiaio!).
  9. Ricordi quando le Barbie non subivano ancora mutazioni genetiche bagnandole con l'acqua calda o fredda. (La mia prima bambola geneticamente modificata fu Miss Make Up: una specie di zoccolona bionda che una volta truccata, non le ripulivi più la faccia nemmeno con la trielina!).
  10. Ti ricordi di giocattoli geniali come il Forno Harbert, la Macchina per lo zucchero filato Harbert, la Gelatiera Harbert, la Macchina dei popcorn Harbert... (Queste meraviglie non me le hanno mai comprate, per quello ora mi è presa la mania della cucina e il mio nuovo oggetto del desiderio, si chiama Bimby!).
  11. Il tuo idolo a colazione era un malato di mente romanista con il fantasioso nome di Mago Galbusera. (Preferivo i Gran turchese).
  12. A furia di biscottini del Malato di Mente Galbusera anche casa tua sembrava un covo romanista: a colazione indossavi una tuta rossa e gialla, prendevi i biscotti da una biscottiera rossa e gialla, li inzuppavi nel latte in una tazzona da 3 litri rossa e gialla. (Io avevo una di quelle orribii tazze con le faccine e le manine: sembravano bambole dei film dell'orrore... Ecco, ricordo che si chiamavano Ruotazze!).
  13. Non sei mai riuscito a completare il Cubo di Rubik. (Mio papà si però... Ma lui è mago!).
  14. Baravi staccando le etichette colorate del Cubo di Rubik.
  15. Baravi staccando i cubetti del Cubo di Rubik perché le etichette non si incollavano più.
  16. Ti ricordi quando le sorpresine non erano dentro gli ovetti, ma nelle merendine. E non si collezionavano. Si perdevano. (O si barattavano a caro prezzo con i compagni di scuola: io le scambiavo con Paciocchini o Exogini!).
  17. Ti ricordi quando al piccolo Mugnaio Bianco Clementina (comprensibilmente) dava il due di picche (Sarà per via delle dimensioni? Una generazione di uomini con l'incubo delle misure per colpa dei pubblicitari?).
  18. Ti ricordi quando a scuola si spacciavano le gomme profumate. (Io le grattugiavo, ma quella è un'altra storia!).
  19. Ogni volta che pigli un traghetto ti viene in mente Gopher e ti metti sul ponte a canticchiare: "Mare profumo di mareeee...con l'amore io voglio giocareeee...".
  20. Hai creduto almeno una volta in vita tua che i Righeira fossero davvero fratelli. (Perché, non lo sono??).
  21. Ti ricordi quando Paolo Rossi era ancora il nome di un calciatore.
  22. Ricordi quando il Milan era in serie B e l'Inter vinceva ancora gli scudetti. (Io da piccola juventina in erba tappezzavo la cameretta con i poster di Platini Le Roi!).
Adesso tocca voi: aggiungete tutti i vostri ricordi di quei meravigliosi anni '80 in cui si era teneri pargoletti e si passavano pomeriggi incantati davanti ai Puffi o a scambiare figurine con una crostatina in mano...

52 commenti:

Liz ha detto...

Visti i risultati raggiunti grazie al tuo elenco posso ritenervi una vera e propria figlia degli anni 80. Non avevo dubbi!

rutger ha detto...

ti ricordi topomoto e autogatto subito dopo la corsa più pazza del mondo e josie and the pussicats dalle 16.00 alle 18.00 su telelombardia (o le tv locali a seconda della regione) ma soprattutto avevi i jeans EL CHARRO!!!

Lupo Sordo ha detto...

Io gli anni 80, praticamente li ho passati quasi completamente giocando in mezzo alla strada...

Cate ha detto...

Io mi ricordo gli zaini invicta, quando ancora di seven c'era solo la bibita up.
E i mio mini pony rosa coi cuoricini sul culo.
Che era mio, ma ce l'aveva uguale un'altro milione di ragazzine.
;)

Prescia ha detto...

blogger fanatici degli anni 80??????
mah...non so di cosa parli.....
:DDDDDDDDDDDDDDD


p.s. hai mica visto degli orecchini naj oleari in giro per il mio blog????ahahahahahah... ;)

Mat ha detto...

come lupo sordo, rispetto ai bambini dei nostri giorni,passavo le giornate con i miei amichetti a imitare holly e lotti...(avevamo costruito un campo di golf....)

ti ricordi le clipper con la punta in acciaio, i jeans americanino bianchi o quelli uniform. Ti ricordi le camicie floreali coperte da un giubbotto in jeans wrangler...

GlitterVictim ha detto...

Le raccolte punti del mulino bianco. Mia nonna ha praticamente riempito casa di piatti, tazze, tovaglie e pure il fornetto scalda brioches con le mitiche tortorelle.

In proposito, le tortorelle erano i miei biscotti preferiti. Naturalmente del mulino bianco, erano frollini quadrati con tortorelle glassate in rilievo. Come tutte le cose buone non ci sono più.

Negli anni '8o il tegolino era una merendina seria, adesso per soddisarmi devo mangiarne almeno due.

S.B. ha detto...

La "TV Dei Ragazzi" ... ne vogliamo parlare ? ;-)

PIDEYE ha detto...

Assolutamente mi rispecchio in tutto;)

digito ergo sum ha detto...

Sono figlissimo degli anni '80. Ricordo tutto, alla perfezione. Se ne deduce che sono un figlio degli anni '80 che ha ancora memoria...

MariCri ha detto...

Liz, benvenuta tra gli '80 nostalgici!

Rutger, i jeans del Charro, no, sono sempre stata snob e preferivo i 501 ;) ma mototopo e autogatto me li ricordo eccome!

Lupo, io non giocavo in strada perchè in centro a Torino non era consigliato, ma ricordo che nonni, zii e mamma mi portavano quasi ogni giorno al parco. i bambini di adesso sono decisamente più sedentari di noi!

Cate, i mini pony! un anno a Natale chiesi la stalla...la sto ancora aspettando insieme alla villa di barbie e il dolce Forno :(

Prescia, si, avevo notato che eri UN PO' nostalgica, in effetti siamo praticamente coetanee! e quanto a Naj oleari, non sfidarmi, che io sono arrivata a cucire le toppe di stoffa a disegni sotto gli strappi dei jeans! ;)

Mat, lotti era quel bambino grassissimo che tirava cannonate con la mazza da golf? sarà perchè ho cercato di imitarlo che ho giocato a golf un'unica volta in tutta la mia vita! ;)

Glitter, le tortorelle erano buonissime e concordo sul tegolino, non è più il bel mattone di una volta!

S.b. e dopo la tv dei ragazzi non comparivano le nuvolette se non c'erano altri programmi?

Pideye, mi sa che siamo una generazione che ha un sacco di bei ricordi, chissà se sarà così anche per i nuovi teenager!

Digito, mi sa che tu ricordi anche la musica di quegli anni (se non sbaglio sei un po' più grande di me)...allora si che doveva essere bello andare in discoteca! :)

Ross ha detto...

Mi sento un'estranea in questo post, essendo nata nell'87. Però mi ricordo di Hello Spenk (ammesso che si scriva così), il cartone animato che più di tutti ha traumatizzato la mia infanzia. Lo odiavo e non so bene per quale motivo mi faceva piangere, ma non riuscivo a staccare gli occhi dallo schermo quando andava in onda. :-)

Ross ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Greg ha detto...

uh, che bei ricordi che hai riportato alla memoria! Io negli anni ottanta ero un tifossissimo di calcio. Non perdevo una puntata di Holly e Benji, e li imitavo pur non disponendo di campi illimitati (anzi, talvolta anche limitatissimi perchè se fuori pioveva, io a calcio ci giocavo comunque dentro casa). E negli anni ottanta ero tifossissimo dell'Inter (la mia inter, quella di Matthaeus)...poi negli anni novanta, ravvedutomi, ho iniziato a tifare per la squadra della mia città: la Roma.
Cmq l'immagine che per me ha più caratterizzato gli anni 80 è Maradona che palleggia in un riscaldamento per una finale di coppa uefa, palleggiando a tempo di "Life is Life" degli Opus (penso che in futuro ci scriverò pure un post). Ciao Ciao

MariCri ha detto...

Ross, Hello Spank lo odiavo anche io...era il cane più brutto e stupido che sia mai stato disegnato!

Greg, non preoccuparti per il passato interista, anche i migliori hanno degli scheletri nell'armadio! ;)
Io non giocavo a calcio ma a tennis, sulle orme di Jenny la tennista e se pioveva in casa usavo i racchettoni da spiaggia,ma sono comunque riuscita a fare notevoli danni.
Quel video di Maradona credo esista su you tube, oppure lo puoi scaricare da E-mule come ho fatto io.

Federico ha detto...

punto 2 )Errore di battitura o... mi ricorda Antonella Clerici?

Rosso ha detto...

a volte si incomincia a ricordare il passato perchè si ha la consapevolezza dell'esistenza di un futuro mediocre.....

Mat ha detto...

proprio lui...mi costruivo le mazze con un bastone..la parte piatta con cui si colpisce la pallina era un materiale composito fatto di:
70% mollette;
30% nastro isolante.
Mia mamma comprva mollette e scope due volte alla settimana!

Greg ha detto...

"anche i migliori hanno scheletri nell'armadio"!!!!
Uh, vuoi che mi vado a infilare nell'armadio (hai notato che sono uno scheletro)?!?!?!
Vabbè, vado subito! Con quel sorriso irresistibile, chi può dirti di no!!!
Ciao ciao!

Ps: ho un armadio a doppie ante...e ho pure paura del buio! So che non sei uno scheletro, ma se vuoi venire a farmi compagnia, sarai ospite ben gradita!

kabalino ha detto...

Ti dico solo che alla festa della colonia ho fatto Johnson Righeira...più figlio degli anni 80 di così si muore...

Greta ha detto...

Ma il forno Harbert è il meraviglioso Dolce forno??
mia madre non ha mai voluto comprarmelo! Credo sia dovuto a questo trauma infantile il mio pessimo rapporto con la cucina :D

però permettetemi di dissentire su Hello Spank: io lo trovavo adorabile... !

Irene ha detto...

Anch'io sto aspettando il dolce forno!!! ciao =)

MariCri ha detto...

Pepe, Antonella Clerici ha fatto scuola su come trasformare un errore in un successo mediatico! ;)

Rosso, grazie della visita! a volte però perdersi nei ricordi è semplicemente una dolce nostalgia di un bel momento passato.

mat a me facevano ridere le polpette di riso che mangiavano nei cartoon giapponesi. quando mia mamma faceva il risotto facevo uno scempio!

Greg, tu mi stai adulando! a proposito di scheletri mi viene in mente il nemico di He Man!

Kabalino, io ad una festa di carnevale mi sono vestita come Madonna in like a virgin...non ti dico quanto ero tamarra con quel tutù!

MariCri ha detto...

Greta, io invece per superare il trauma del dolce forno ora sono un'ottima cuoca, appena sono cresciuta, mi sono avvicinata agli elettrodomestici veri!
Hallo Spank,proprio no, sarà per la vocetta che aveva!però la sua padrona era dolcissima.

Irene, puoi provare a riscrivere a Babbo Natale, se hai l'indirizzo giusto mandamelo che con me ha un po' di arretrati, mica solo il dolce forno! ;)

Liz ha detto...

Il dolce forno, a malincuore, non ha avuto alcun effetto su di me. Sono alquanto disastrata in cucina. Mannaggia.

Simona ha detto...

E quando anche Bonolis (che guadagnava in un anno quello che ora prende a serata) parlava coi cani rosa....
e la pubblicità col pupazzo cattivo della Girella...
e tutte quegli orribili insettini della Naj Oleari che ti trovavi ovunque e non riuscivi mai a scacciare, dal cerchietto per i capelli alle cartelle per la scuola?
....anni 80...commozione...quando gli assorbenti non avevano ancora messo le ali (che pero', in effetti, sono comode;-))))
gran bel post!!!

Greg ha detto...

Ciao, ti comunico che ti ho aggiunta tra i preferiti.così potrò adularti con più frequenza! A presto!

MariCri ha detto...

Liz, beh, posso sempre darti lezioni di cucina, in cambio mi dai lezioni di fotografia! ;)

Simona, il cane Uan, mi ha fatto compagni in molti pomeriggi dopo che avevo finito i compiti su orribili quaderni Najoleari ;) quanto agli assorbenti senza ali...beh, non ne facevo ancora uso, ma mi ricordo quelli della mamma: erano dei mattoni tipo pampers, in questo gli anni '90 ci sono venuti in soccorso!

Grag, ricambio volentierissimo, così ti tengo d'occhio, assistente mascherato! ;)

AmosGitai ha detto...

"Ti sei chiesto quanto fosse lungo il campo di Holly & Benji dal momento che si vedeva la linea dell'orizzonte."
Sai quante volte me lo sono chiesto... ed ho trovato qui la risposta: ATTENZIONE, NON APRITE IL LINK IN UFFICIO, fa talmente ridere e rischiate di essere sgamati facilmente... stavo morendo quando l'ho letto!
LA RISPOSTA

Urd ha detto...

Ciao!Alcune cose le ricordo anche io... XD eppure sono nata nell'87! Vabbè, dai... XD
Ad ogni modo ho letto i post che mi sono persa in questi giorni e...che belli!

Mi trovi d'accordo sulla mamma, anche la mia è stata (ed è tuttora a dire il vero!)una mamma a tempo pieno per me e mio fratello. Ma persino mio padre eh... Le mamme devono essere mamme, amiche forse. Di sicuro non quelle che vedi in giro a 50/60 anni con la mini gonna e il tacco a spillo (io a 60 anni mi pianterei in mezzo alla strada più che altro!XD).

Un bacione IMMENSOO!
Buona giornata!^_^

Mat ha detto...

lasciamo perdere...io ancora ci gioco col piatto di riso....lo appiattisco...e lo divido in spicchi.....ehm, i miei 29 anni me li porto benissimo

Dolcetto ha detto...

Concordo su tutti i punti! che bei tempi... però evito di pensare a qualcos'altro se no parte la nostalgia...
PS: anch'io però non ho mai ballato con reality!

andrea matranga ha detto...

Bedda Matriii!!!. Io sono degli ottanta,il leggere i tuoi 22 chiamiamoli "comandamenti", mi ha portato indietro nel tempo. Quegli anni Li ho vissuti a tutta birra!!ricordi indelebbili. Cmq. mi piaci molto ti seguirò nel tuo percorso con molto piacere.

orchideablu ha detto...

Ricordo bene gli anni 80...ma ricordo qualcosa anche dei 70.....UFFAAAA!!! Ciao :-)
P.s Non dirlo in giro èèè :-D

Mat ha detto...

orchy orchy, sei stata pure figlia dei fiori...ed eri già maggiorenne!!

AndreA ha detto...

Ricordo tutti i cartoni animati..MAZINGA,DAITARN 3, GIG ROBOT D'ACCIAIO, GLODRAKE e tutti gli altri...in quegli anni molte cose erano differenti e....forse migliori.

Il Tuo post mi è piaciuto molto, come sempre esilarante!!! :-)

Un abbraccio!!

P.S. Da oggi sei tra le "ALTRE CHIACCHIERE" sul mio blog.

nightfairy ha detto...

Presente e mi ricordo tutto!E sai che pure io grattuggiavo le gomme?!bei tempi :-p

Buon weekend!

orchideablu ha detto...

@ Mat:
meglio essere figlia dei fiori che di un salmone affumicato!!!
Scusa Maricri, ma Mat deve sempre mettere la pinna dappertutto...:-)
Buon weeekend

Mat ha detto...

orchy, in fondo lo sai che ti adoro!!
ih ih ih

giulia ha detto...

ehm...io sono figlia degli anni 80 nel senso che ci sono nata (nell'85)! Però tanti di questi ricordi li ho anche io: tipo lo zanino dell'Invicta. Avevo il modello "my own" con stampata l'iniziale del mio nome. Mia nonna si sbagliò e mi prese quello con la W. Per cinque anni ho avuto problemi di identità, credo!!
I cartoni giapponesi invece mi facevano paura!

MariCri ha detto...

Scusate, sono stata via per il week end... giretto a Torino, ma ora, arrivano le risposte! :)

Amosgitai, l'ho letto, ho ancora le lacrime agli occhi, grazie!

Urd, abbiamo la stessa concezione dell'essere mamma, forse perchè abbiamo avuto la fortuna di avere una madre presente. Io spero di esserlo con i miei figli, quando arriveranno!

Mat, anch'io schiaccio il risotto e poi faccio i sentierini, ma aggiungo pure che mangio ancora la mela grattugiata, va beh, non me la fa più la nonna, ci penso da sola ormai, ma sono andata a comprare il grattamela di vetro apposta...ah, di anni ne ho 28, si, si ce li portiamo divinamente! ;)

Dolcetto, ma noi abbiamo avuto i Take That come miti...vuoi mettere??! Un bacetto

Andrea M. Grazie mille per le tue parole! ricambierò presto la visita e ti aspetto quando vuoi!

Orchidea, io sono nata proprio al crepuscolo degli anni '70. Deve essere stato un periodo difficile e complesso, ma culturalmente vivace: un po' invidio chi li ha vissuti. E poi la moda era stupenda! Non ti preoccupare per le chiacchere con Mat, io sono una chiaccherona e se si crea un salotto mi fa solo che piacere!

Andrea, che scrivo cose esilaranti mi piace un sacco come complimento, grazie! ricambio il favore al più presto! :)

Nighty, il week end è stato bellissimo e tranquillo con la mia famiglia. Quando in autostrada ho passato novara ti ho pensata. baci

Giulia, anch'io avevo quel modello di invicta che al liceo ho sostituito con quello con i delfini! buona settimana

pavel ha detto...

Ciao,
sono capitato per caso da queste parti e mi piace,il tuo blog sa di buono...:-)
Noi qualche mese fa sul nostro pubblicavamo questo:
http://trentasenza.blogspot.com/2007/04/siamo-tutti-figli-del-fuji-yama.html

Si fa scambio di virus anni '80

Piacere di conoscerti.

enzorasi@yahoo.it ha detto...

No, non posso dire di essere un figlio degli anni 80; ma quelli sono stati comunque anni importanti per me, da molti punti di vista. Dalle tue parti si respira sempre aria buona...secondo me dipende dalla padrona di casa. Volevo salutarti, io ho preso una decisione ma mi faceva piacere dirti ciao ancora una volta. Continuerò a leggerti, mi rassereni in modo non mellifluo. E' una gran cosa.

LB ha detto...

Io ero superfan di due cartoni che non si ricorda mai nessuno: "Sandybel" (un cartone ambientato in Scozia! Che figata!!!) e "Maja" (perché volevo fare l'attrice!)

kabalino ha detto...

maricri ti ho linkata...so che mi perdonerai...

#lb: io maja me la ricordo eccome...che faceva Anna dei miracoli e inciampava in tutte le cose, e poi c'aveva una sigla fighissima

Baol ha detto...

Buongiornooooo Maricri ;)

pOpale ha detto...

SuperGulp con le avventure dell'uomo ragno a cartoni animati :)

MariCri ha detto...

Pavel, appena ho un secondo vado a leggere quel link, intento grazie per il complimento delicato e per la visita. a presto! :)

Enzo, grazie del pensiero. comunque ti ho risposto sul tuo ultimo post. Quando vorrai sostare tra queste pagine sarai sempre il benvenuto!

Ib, mi ha molto incuriosito il tuo profilo, mi sa che il mio corrisponde nel senso che sarei un'aspirante scrittrice e attualmente una perfetta atipica precaria! anch'io adoravo Maja e a fare l'attrice ci ho pensato sul serio, ma alla fine mi sono limitata a un paio di esami sulla storia del teatro!

Kabalino, perdonato, anzi, ne sono onorata!, ma guardavi i cartoni da "femminuccia"??!

Penelope ha detto...

Che ricordi...
Senza dubbio figlia degli anni '80.
Che bei pomeriggi trascorsi con "Bim Bum Bam", ipnotizzata da "Candy Candy", con la mia fedele "Camilla, la bambola con il passaporto", con la richiesta (purtroppo mai accontentata) della sponsorizzatissima "Casa di Barbie"
che quasi tutte le mie compagne vantavano, con tanto di ascensori ed accessori vari...
E poi , la sera, mentre si aspettava papà "Happy Days"...
Ahhhh....sospiro di nostalgia!

Laura ha detto...

Io ricordo la Casa di Campagna della Barbie, un superlusso che i miei non mi hanno mai voluto comprare, incolpando biecamente Babbo Natale di essere un poveraccio senza soldi ;-)
E poi le espadrillas che puzzavano come fieno bagnato se avevi la sfortuna di beccarti un temporale mentre eri in strada a giocare a "strega comanda colore".
E i biscotti a forma di Puffo.
E le manine appiccicose che vincevi nelle patatine.
E Coccinella e la sua famiglia di sbiellati.
Ci sono mille cose... grazie del remembering e di essere passata a trovarmi !
Buon fine settimana,
Laura

Un Borghigiano Qualunque ha detto...

Beh, devi ammettere che quelli erano tempi formidabili se avevi una decina di anni!

MariCri ha detto...

Ciao borghigiano, ho visto il tuo blog... carino! tornerò a farti visita. Comunque io di anni ne compivo dieci quando cadeva il muro di Berlino: degli anni '80 ho vissuto gli aspetti di un' infanzia più semplice e forse più fantasiosa di quella che vivono i bambini di oggi!